Numero 2 di Michael J. Hammel traduzione di Antonio Cartelli


Benvenuti dalla Musa della grafica
Per una migliore visualizzazione predisponete il vostro browser alla lunghezza della riga sottostante.

Scelta dei Temi Musa:
  1. v; per farsi assalire dai pensieri
  2. n; [ fr. Una delle nove sorelle, dee delle scienze e delle arti nella mitologia greca ]: sorgente di ispirazione
Benvenuti dalla Musa della Grafica! Perché una "musa"? Al di là dell'aspetto delle sorelle, le precedenti definizioni sono la maniera migliore di descrivere il mio interesse nella Computer Graphica: questa disciplina assorbe profondamente i miei pensieri ed è una sorgente giornaliera di ispirazione.

[Novità nella Grafica] [Riflessioni] [Risorse]
indent Questo spazio è dedicato all'uso, alla creazione, alla distribuzione ed alla discussione di pacchetti per la Computer Grafica su Sistemi Linux.
      Il mese scorso ho introdotto un nuovo formato grafico per lo spazio destinato a queste pagine. La risposta è stata variegata, anche se generalmente positiva e sto ancora ricevendo ulteriori commenti sull'aspetto di queste colonne piuttosto che sul loro contenuto. Non so se ciò significhi che riesco a coprire tutti gli argomenti che i lettori possono desiderare di leggere o se queste pagine non vengono lette affatto. Bah! Spero soltanto che non sia l'ultimo numero.
      Il numero di questo mese prevede un'altra buona rassegna di testi, una discussione sull'aggiunta di font al sistema, una storia da parte di un utente Gimp, un'analisi del modellizzatore AC3D.
Il periodo delle vacanze è troppo spesso, per me, fonte di ulteriore lavoro. Avrei voluto fare di più, ma avrei dovuto disporre di più di 24 ore al giorno per farlo.

Novità  Grafiche


      Avvertenza: Prima di addentrarmi eccessivamente nell'argomento devo far rilevare che ogni nuova informazione che inserisco in questa sezione ha solo ed essenzialmente un significato: quello di segnalazione di una novità. Ho avuto l'opportunità di venirne a conoscenza mediante alcune mailing-list cui sono iscritto, via gruppi di news Usenet, o infine, mediante messaggi inviatimi da lettori e curiosi. Certamente non garantisco questi prodotti (alcuni dei quali possono essere commerciali), faccio soltanto presente che ne ho sentito parlare il mese scorso.
      Durante quest'ultimo mese sono andato a curiosare in una libreria di testi di informatica soffermandomi soprattutto sul reparto relativo ai testi che trattavano di grafica. Ho trovato qualche primizia che qualcuno di voi potrebbe trovare interessante.      

3D Graphic File Formats: A Programmers Reference

(Formati grafici di file 3D: Guida per il programmatore)
      Keith Rule ha scritto un nuovo libro sui formati dei files grafici tridimensionali. Il testo, che è costituito da oltre 500 pagine, è stato pubblicato da Addison-Wesley, settore sviluppatori, ed è proposto al prezzo di $39.95. Comprende un CD-ROM con una libreria software dedicata all'elaborazione di svariati tipi di files tridimensionali (sia in lettura che in scrittura), anche se il software è scritto per sistemi MS. Keith sostiene che non c'è alcun motivo per cui il codice non debba essere trasportabile anche su altre piattaforme tra cui Linux. C'è nessuno che ci vuole provare?
ISBN 0-201-48835-3
indent indent

OpenGL Programming for the X Window System


(Programmazione in OpenGL per l'ambiente X Window)
      Il mese scorso avevo notato il nuovo testo di Mark J. Kilgard sullo scaffale di una libreria locale (Softpro, nell'Englewood, Colorado): Programmazione OpenGL per l'ambiente X Window. Questo libro, di Addison Wesley, settore sviluppatori, sembra soddisfare in maniera eccellente le richieste di chi vuole scrivere applicazioni OpenGL che facciano uso delle API X Window. Non l'ho ancora letto (a dir la verità non l'ho neanche acquistato, ma lo farò), per cui non sono in grado di descrivervene le qualità. Mark è l'autore del pacchetto GLUT per OpenGL. Per chi non lo sapesse tale pacchetto è per OpenGL ciò che Xt o Motif rappresentano per Xlib. Tenetene conto.
indent

Fast Algorithms for 3D-Graphics

(Algoritmi veloci per la grafica 3D)
      Questo testo, di Georg Glaeser, pubblicato dalla Springer, comprende un dischetto da 3.5" con files sorgenti per sistemi Unix. Il dischetto, comunque, è formattato in modalità DOS. Tutti gli algoritmi riportati nel testo sono scritti utilizzando uno pseudocodice per cui i lettori che vorranno testarli dovranno convertirli nei rispettivi linguaggi di programmazione desiderati.
indent indent

E' disponibile ImageMagick 3.7.8, con allegato un nuovo insieme di librerie plug-in di immagini

      Alexander Zimmermann ha reso disponibile una nuova versione di ImageMagick. Questa versione del software comprende una libreria "Plug In" che contiene le varie librerie di immagini di cui ImageMagick ha bisogno per funzionare. Alexander ha aggiornato questa versione del software sul sito Sunsite coì come sul sito Web della ImageMagick.
indent

MpegTV Player v0.9



(Gestore dell'MpegTV v0.9)
      E' disponibile la nuova versione dell' MpegTV Player che prevede ora anche il supporto dell'audio.
indent indent

Driver per la scheda (IC-PCI) per l'acquisizione di immagini della Imaging Technology Inc.

      Sono disponibili la seconda versione pubblica (v 0.2.0) del modulo per il kernel di sistema relativo alla scheda IC-PCI per l'acquisizione di immagini, della Imaging Technology Inc. (rev 1), ed il modulo di acquisizione AM-VS. Questo driver è realizzato ed aggiornato dalla GOM mbh (Gesellschaft fuer optische Messtechnik) TU Braunschweig, Istituto per la Meccanica Sperimentale. Il pacchetto comprende un programma completo di test per filmati di scene in movimento e funzioni dedicate all'acquisizione dati da videocamera.
Autore: Matthias Stein
Responsabile della manutenzione: Dirk Bergmann.
Questo software non è del tutto libero da copyright (è bene vedere il file LICENSE per ulteriori informazioni).
indent

Rilasciato Viewmol 2.0

      Non so molto di questo pacchetto, ma sembra che disponga di molte funzioni grafiche, per cui ho ritenuto opportuno menzionarlo qui. La LSM fornisce le seguenti indicazioni:

Viewmol è un programma per la visualizzazione dei dati prodotti da programmi di chimica quantistica così come da programmi di meccanica molecolare. Attualmente sono supportati files provenienti da Gaussian 9x, Discover, DMol/DSolid, Gulp, Turbomole e PDB. Tra le proprietà delle figure visualizzate vanno ricordate: geometria (con varie modalità di rappresentazione), vibrazioni (animate o espresse mediante frecce), percorso di ottimizzazione/traiettorie MD, diagrammi di livello energetico MO, MOs, funzioni di base, densità elettronica. Le rappresentazioni possono essere salvate come file di input per Rayshade nei formati TIFF, HPGL, Postscript.

ftp://ftp.ask.uni-karlsruhe.de/pub/education/chemistry/viewmol-2.0.tgz

indent
indent
indent

Lo sapevate?

      Provate ad accedere al sito Web 3D Site (http://www.3dsite.com/3dsite) è interamente dedicato a tutto ciò che concerne la grafica 3D. Ci sono inserzioni di lavoro, collegamenti a librerie di modelli 3D ed a notevoli quantità di altre informazioni interessanti.

      E ancora 3D Cafe (http://156.46.199.2/3dcafe/) è un altro sito Web contenente svariate informazioni molto utili relative al mondo 3D. Su di esso si possono trovare anche grandi raccolte di files con modelli DXF e 3DS.

Un'indagine molto importante

      Ho contattato un paio di editori per vedere se esisteva la possibilità di scrivere un testo dedicato agli utenti Linux. Avrei voluto scrivere una "Guida per gli utenti Gimp" ma gli editori ritengono che un testo più generale sulla grafica Web potrebbe incontrare molto più facilmente il favore del pubblico (tenete presente che a tutt'oggi il parco utenza Linux non regge il confronto numerico con quella MS - ma che gli editori stanno considerando entrambi i tipi di testi). Ho preso l'impegno, con loro, di chiedere ai miei lettori che tipo di testo avrebbero voluto. Il libro sul Gimp dovrebbe comprendere l'analisi particolareggiata dell'uso di ciascuna delle caratteristiche del software insieme ad un consistente numero di esempi guida sulla realizzazione di effetti di vario tipo. Il testo sulla realizzazione di grafica in ambiente Web dovrebbe prevedere invece un'approfondita discussione sull'uso dell'HTML, informazioni su pacchetti specifici relativi al Gimp ed alcuni studi particolari (oltre a qualcosa sull'animazione). In ogni caso il testo sul Web non vedrebbe l'approfondimento dell'analisi di ogni pacchetto. Questo tipo di informazione dovrebbe essere più generale.
      Poiché non dispongo di un server su cui mandare in esecuzione script CGI per la registrazione dei dati di una votazione inviatemi messaggi e-mail con i vostri pareri. Grazie!

Richiesta di Aiuto

      Per il futuro prevedo di analizzare molti più pacchetti 3D, ma devo innanzitutto imparare ad usarli. Il prossimo pacchetto in cui conto di addentrarmi è BMRT. Se c'è qualcuno che usa BMRT e vuole aiutarmi, almeno nella fase iniziale, me lo può comunicare. Se mi sarà possibile, vorrei presentare un'introduzione a BMRT nel numero di marzo, nel contempo vorrei essere sicuro, prima di scrivere alcunché, di sapere di cosa andrò a parlare. Grazie!
indent
indent
indent

Riflessioni

     

Una storia raccontata da un utente Gimp (ovvero "Perché uso Gimp")

Il seguente testo è stato inviato sulla Mailing list degli utilizzatori Gimp da Mike Phillips.

      Sul posto di lavoro abbiamo una "Rete di Novità dalle Biblioteche", che poggia su di un PC 386 che funziona da TV grazie ad un convertitore video mediante il quale vengono continuamente mostrate immagini con le informazioni sugli ultimi eventi che ci pervengono dalla biblioteca legale e dalla scuola legale. L'anno scorso il mio capo ha fatto questa follia con la Grafica d'assalto che, molto francamente, nella pratica è risultata piuttosto limitata.
      Quest'anno è divenuto la mia creatura ed io lo uso per mandare in onda le immagini fatte con GIMP (files 640x480x256 GIF, messi in onda da un semplice programma dos reiterato (in loop) da un file batch). Sono riuscito a mettere a punto alcuni accorgimenti per rendere il testo più leggibile e per far sì che l'immagine video sia quanto più possibile attraente. Niente di eccezionale, ma spero che ciò possa invogliare altri a farsi venire altre buone idee.
      Come primo consiglio non utilizzare mai uno sfondo piatto. Il pacchetto per la miscelazione dei colori può andare benissimo al riguardo e la combinazione di un verde o un blu ombreggiati e di un testo brillante forniscono sicuramente un effetto molto piacevole a vedersi. Si inizi con un colore e si aggiungano un po' di perturbazioni, a mo' di disturbi, si crei quindi un'immagine miscelata della stessa grandezza e si componga con l'immagine con le perturbazioni. Si otterrà così uno sfondo molto fresco per le vostre immagini. Andrà ancora meglio se si utilizzerà una foto adeguata! (Io ho utilizzato una magnifica foto del parco Yosemite per presentare un simposio sulle leggi ambientali, ed una foto accettabile della Suprema Corte di Giustizia degli USA per presentare la nostra anteprima della Corte Suprema).
      Sempre a proposito di sfondi, poiché non ricordo di averne mai sentito parlare, vi propongo qualche ricetta veloce veloce per le nuvole: si realizzi un arco voltaico di grandezza adeguata, lo si trasformi in toni di grigio e lo si riconverta in immagine a colori regolandone Luminosità, Contrasto e Gamma dei colori. In generale io porto la luminosità all'incirca a 75-100, il blue a circa 5 ed il verde a circa 2. Viene un cielo grazioso (ovviamente per avere cieli extraterrestri si potranno utilizzare il rosso ed il verde senza alcun problema).
      Per i testi, non c'è niente di meglio che un buon set di font. Procuratevi un archivio di font, o acquistate con 10-15 dollari un CD zeppo di font di ogni tipo. Il risultato è garantito, io ho il Desktop di rete della Caldera, per cui posso usare font che Xfree non gestisce (credo), grazie al server dei font, ma questo è una cosa eccezionale. Ho acquistato un CD con 1250 font per 13 dollari. [Ed. il prossimo mese mi occuperò di come aggiungere font al sistema in modo che si possano utilizzare con il Gimp. mjh]
      Ecco una variante ai font dai contorni arrotondati: si prepari il testo, quindi lo si duplichi una volta e lo si trasli (diciamo di 4x4). Si utilizzino le funzioni di identificazione del bordo e poi si inverta il duplicato, quindi si applichi due volte la funzione di sfuocatura gaussiana all'immagine spostata. Si compongano le immagini risultanti e si utilizzi l'originale come maschera per ottenere qualche altro effetto sull'immagine risultante dalla composizione. Il testo così bordato, soffuso ed ombreggiato si presenta molto bene. Su un monitor TV fa un effetto spettacolare.
      Per il testo si utilizzi un qualsiasi colore, purché unico. Colori brillanti ed alto contrasto hanno funzionato benissimo per tutto ciò che ho fatto, forse meglio di quanto abbia ottenuto divertendomi con retini, miscele increspate, nuvole da arco voltaico ed altre stupidaggini.
      Naturalmente il tutto può essere condito con ogni sorta di clipart. Raccomando caldamente il Server di Barry (www.barrysclipart.com), dal quale io stesso ho attinto senza ritegno a più non posso: e voila, ecco all'istante una bella diapositiva!
      Ho quasi dimenticato di citare la nostra edizione autunnale di LNN all'indirizzo: http://www.lawlib.wm.edu/LNN-old/. Se si vuole dare un'occhiata alle possibilità di questo pacchetto conviene visualizzare le sequenze di immagini quando queste non sono state riconfigurate ad una risoluzione 320x200. All'indirizzo: http://www.lawlib.wm.edu/LNN/ è disponibile anche l'ultima versione del software.


[Ed. In un secondo momento Mike ha inviato un ulteriore messaggio con il quale ha descritto alcuni effetti interessanti. Ho ritenuto opportuno allegarli al suo precedente messaggio.]


      Recentemente, mentre analizzavo i vari plug-in disponibili, ho trovato il plug-in charcoal (carbonella). L'ho compilato, aggiunto al sistema ed utilizzato. Mi è sembrato piuttosto interessante. In ogni caso, avendo rimuginato a lungo su questo pacchetto ed avendolo sperimentato sono riuscito a trarne due effetti potenzialmente molto interessanti:

(1) Effetto pastello: Si prenda un'immagine a colori (RGB), le si applichi la funzione di rilevazione forme (edge-detect), si inverta e (opzionalmente) la si contrasti. Su molte immagini ciò produrrà un effetto pastello, molto gradevole. Se l'immagine è troppo ricca di dettagli, si provveda prima a far degradare il colore (o a pixellizzare l'immagine), altrimenti ci si può ritrovare con numerose linee estranee all'immagine.

(2) Effetto acquerello: Si prenda un'immagine a colori (RGB), la si trasformi utilizzando la sola scala di grigi. Si applichi la funzione di rilevamento forme (verrà restituito l'insieme delle linee guida dello schizzo); poiché questo effetto potrebbe essere difficile da bilanciare nella maniera voluta, potreste volerlo limitare o provvedere a pixellizzare prima l'immagine. In tal caso, si pixellizzi e si degradi l'immagine principale portandola a 32 colori (16 o 20 può fornire effetti migliori). Si elimini lo sfondo indesiderato, si applichi la funzione di sfuocatura gaussiana alcune volte e si renda il tutto un po' più brillante. Si applichi la rilevazione di forme su di essa e voilà vi apparirà l'effetto acquerello.

Mike Phillips, mike@lawlib.wm.edu

indent

L'angolo di Jim Blinn - Un viaggio lungo la via della Grafica

indent Non sono particolarmente ferrato in computer grafica (1). Tutto ciò che so l'ho imparato l'anno scorso o giù di lì grazie a numerose letture, all'esame di sorgenti di programmi e alla cortese assistenza di molte persone sulla Rete. Ne consegue che la mia abilità nel comprendere alcuni dei testi più formali sulla computer grafica è abbastanza limitata.
      Nonostante tale limitazione ho appurato che sono in grado di leggere e comprendere buona parte del testo di Jim Blinn Jim Blinn's Corner - A Trip Down the Graphics Pipeline (L'angolo di Jim Blinn - Un viaggio lungo la strada della grafica), consistente in una collezione di articoli tratti dalle sue pagine sulla rivista IEEE Computer Graphics and Applications. Quello indicato dovrebbe essere il primo di due libri, premesso che ci sia sufficiente interesse nel primo dei due che verrà pubblicato. Il secondo testo comprenderà diversi articoli sull'aritmetica dei pixel prelevati dalle stesse pagine.
      Nella prefazione al testo Jim descrive come sia pervenuto ad uno stile di scrittura che è "sicuramente più luminoso di quanto non possa essere quello di un tipico contributo per SIGGRAPH, sia per profondità che per attitudine". Non posso che essere d'accordo. La computer grafica dovrebbe essere un soggetto divertente e, a dispetto della matematica, questo libro rappresenta un elemento di diversificazione in entrambi i casi.
      In ogni caso non voglio sbagliarmi. C'è una notevole dovizia di particolari tecnici su come calcolare posizioni nello spazio 3D, sulle ombre prospettiche e su particelle sub-pixel. Roba forte per i principanti. Qualcosa di incomprensibile per chi non ha usato il calcolo matriciale negli ultimi 8 anni. Eppure capitoli come L'ultimo pacchetto di progetto (che descrive la nascita di un'idea), e Addio al Fortran (che analizza l'uso di vari linguaggi nella computer grafica) che presentano per lo più argomentazioni non matematiche, hanno fatto sì che la mia mente si riposasse mentre hanno comunque mantenuto altissimo il mio interesse.
      Non ho ancora letto tutto il libro. Mi sono ripromesso di riprendere ciò che ho lasciato (circa metà libro) nei miei prossimi 16 giorni di libertà Questo libro è il primo della mia lista. il secondo della lista è quello di Algebra Lineare dei tempi del College. La prima metà del libro di Jim mi ha permesso di ricordare molto di ciò che ho dimenticato negli ultimi 8 anni. Come spesso si dice: uno deve provare l'impossibile prima di sapere che cosa è possibile.
indent indent indent
indent
indent
indent
indent

IRTC - Una competizione per la traccia di raggi a solo scopo di divertimento

indent Durante gli ultimi mesi ho contribuito a gestire una competizione svoltasi via Internet che ha interessato coloro che usano software per tracciare raggi. Questa gara, la Competizione su Internet per Tracciare Raggi o IRTC, è aperta a chiunque sia interessato nella creazione di immagini 3D utilizzando software di qualunque ambiente così come combinazioni di software nell'ambito di alcune linee guida di base. Questa gara trae origine da un'altra competizione lanciata da Matt Kruse nel 1994. Matt avrebbe forse dovuto definire i termini della gara in quanto ha dovuto prendersi un'enorme quantità di tempo per portarla avanti. All'epoca, infatti, ha dovuto svolgere quasi tutto il lavoro da solo.
      Quest'anno, molto prima del previsto, Chip Richards ha iniziato ad organizzare ancora una volta la gara. Un gruppo di persone interessate ha dichiarato la propria disponibilità a fornire aiuto. Alla fine, molti di noi (io incluso), hanno fornito solo aiuto organizzativo - idee per le regole o suggerimenti sui regolamenti per prevenire imbrogli (ebbene si c'è stato anche questo), aiuto nella selezione dei temi, e così via. La maggior parte del lavoro è stata svolta da Chip, Bill Marrs, e Jon Peterson (sebbene Jon abbia dovuto occuparsi anche di altre cose).
      La competizione è risultata costituita da round indipendenti, svoltisi durante gli ultimi due mesi. Ogni round ha avuto un tema che i concorrenti hanno utilizzato come punto di riferimento per le loro immagini. E' stato dato per assodato che i lavori presentati dovessero essere immagini originali, create durante la competizione, ma molti hanno utilizzato pezzi di vecchi modelli che loro stessi o altri avevano realizzato. I pacchetti "autorizzati" sono stati i più diversi anche se sono stati preferiti quelli per tracciare raggi e non si è consentita alcuna post-elaborazione (ad esempio, non si è potuto aggiungere una messa a fuoco dopo che l'immagine era stata tracciata). Ognuno ha potuto esprimere il proprio voto (normalmente) sulle varie immagini ed i vincitori hanno ricevuto piccoli premi quali CD e la stampa delle loro immagini.

per saperne di più su IRTC... (stessa pagina che per la recensione di AC3D)

Risorse

I seguenti collegamenti rappresentano esclusivamente un punto di partenza per il reperimento di ulteriori informazioni sulla computer grafica e, più in generale, sulla multimedialità in ambiente Linux. Se mi invierete informazioni specifiche su applicazioni le inserirò nelle mie pagine; altrimenti potete contattare i responsabili di qualche altro sito Web ed inviargliele. Prenderò in considerazione la possibilità di aggiungere altri riferimenti generali in questa pagina, anche se informazioni specifiche su siti ed applicazioni possono trovare migliore collocazione in uno dei riferimenti generali seguenti piuttosto che essere riportati qui di seguito.

Mini-Howto della Grafica su Linux
Programmi grafici utili in Unix
La pagina multimediale di Linux

Prossimi argomenti

Il prossimo mese:
Fatemi sapere quali temi vorreste vedere affrontati!


  1. Chiunque abbia un titolo scolastico, anche sconosciuto, in computer grafica è invitato a contattarmi. Preferirò, ovviamente, coloro che risiedono a poca distanza da Denver dove vivo.


all'Indice

Per l'articolo originale: © 1997 Michael J. Hammel - Pubblicato sul n. 13 della Linux Gazette
Per l'edizione italiana: © 1997 A. Cartelli - Pubblicato sul n. 3 di LGEI a cura del LUGBari