LGEI
EDITORIALE


LGEI Dicembre 1998
Anno II - N. 10
     Come usa in questi casi è d'obbligo riportare il messaggio: "ci scusiamo per il ritardo" - siamo consapevoli, infatti, dell'interesse che un numero sempre crescente di utenti prova nei confronti del mondo Linux e vorremmo poter fare molto di più e meglio, ma non sempre riusciamo a conciliare il volontariato con le esigenze di lavoro quotidiano! È proprio tale inconciliabilità il motivo che mi ha spinto a far sì che nel numero che vado a presentare confluissero i contributi dei numeri 34 e 35 della Linux Gazette e che si arrivasse con notevole ritardo all'uscita di questo numero.
     Sono convinto che la paziente attesa di quanti hanno avuto modo di apprezzare questa rivista sarà ricompensata dall'interesse per gli innumerevoli articoli che compaiono nel numero attuale.
     Certo, una quantità maggiore di collaboratori potrebbe garantire una diversa corposità ad ogni numero della rivista e far sì che essa contenga tutto o quasi ciò che viene riportato nella corrispondente Linux Gazette, ma siamo nel regno delle ipotesi, visto che i molteplici inviti ad entrare a far parte della redazione, più volte lanciati ai quattro venti, hanno avuto scarso esito.
     Al riguardo devo dire poi che sul problema "Linux e scuola", sollevato nello scorso numero di LGEI, non è pervenuta alcuna segnalazione di nessun tipo. Sono convinto che tale "disinteresse" non sia da imputare né ad incompatibilità del sistema operativo con gli scopi per i quali si potrebbe utilizzarlo (in diversi paesi si sta decidendo di adottarlo sistematicamente in ogni ambito didattico), né a disinteresse dei docenti. Più verosimilmente ritengo che oltre alla poca sensibilità di una massa di persone cui non interessa altro che utilizzare un elaboratore con "il minor sforzo possibile", ci siano alcuni docenti impegnati in progetti anche rilevanti ma non coordinati con altre esperienze e, cosa ancor più grave nell'era di Internet, che manchino punti di incontro, confronto, dibattito che permettano di rendere condivisibili le esperienze.
     Certo di essere stato abbastanza provocatorio da suscitare commenti e repliche resto in attesa di comunicazioni che sarò ben lieto di rendere pubbliche e condividere con tutti coloro che collaborano alla realizzazione di questa rivista, sembre nell'ottica, si intende, di fornire un buon servizio alla comunità degli utenti Linux ed ala comunità informatica.

Vi aspetto

     A. Cartelli

 

Indietro


Copyright © 1998 per il sito WEB di A. Cartelli